menu di scelta rapida

torna al menu di scelta rapida

Lo stage Mediaset: a scuola di proattività

Lo stage Mediaset: a scuola di proattività

L’avevano ascoltata nelle parole e nei racconti che Mimosa Martini ha voluto condividere con loro durante i giorni del master in giornalismo e giornalismo radiotelevisivo; da un mese ne stanno facendo esperienza diretta con il lavoro quotidiano: la redazione giornalistica di Mediaset a Roma è, da sempre, operativa in un palazzo presso il Circo Massimo, con una splendida vista sull’area archeologica della Capitale. Ogni giorno per Giulio e Roberta, studenti Eidos distaccati presso News Mediaset e presso il Tg5, c’è qualcosa di nuovo da imparare.

 

 

 

Al Tg5, fra videomaking e vita di redazione

“Lo stage al Tg5 sta andando molto bene, mi trovo in sintonia con tutta la redazione, sopratutto con gli stagisti”, ci racconta Roberta, originaria delle Marche ma che da anni vive a Roma. “Mi stanno affidando molte mansioni fra cui montare autonomamente immagini e spezzoni video, realizzare titoli, sommari ed elementi grafici, ancora assemblare le “macchie”, ovvero le coperture video su cui andrà poi aggiunto lo speakerato. Il terzo giorno di stage mi hanno anche fatto uscire per andare a fare un'intervista”. La preparazione tecnica è cruciale: “Sto prendendo molta confidenza con il programma di montaggio video, io stessa non pensavo di riuscire a fare dopo solo tre settimane cose che all'inizio dello stage non sapevo nemmeno dove stessero di casa”.

 News Mediaset: le interviste in esterna per imparare dai professionisti

Parola a Giulio, romano da sempre che grazie alla metropolitana arriva in ufficio, per fortuna, con grande comodità: “Ho iniziato lo stage ad inizio giugno nella redazione di News Mediaset che è l'agenzia di stampa interna alla rete che produce e confeziona servizi per altri telegiornali, ovvero per il Tg4, per Studio aperto, il Tg5 e altre trasmissioni di approfondimento. Il mio ruolo è quello di supportare i giornalisti di ruolo: sono uscito con loro per fare servizi, li ho coadiuvati nelle riprese, nelle acquisizioni di immagini, nella costruzione della notizia. Poi c'è il lavoro di desk che è se vogliamo la mansione principale che si svolge in redazione: lì lavoriamo al confezionamento di macchie per i servizi, ci si chiede di rintracciare notizie, di interfacciarsi con il resto della produzione giornalistica per arricchire il nostro lavoro con immagini, video, audio e altri contenuti rilevanti”

Parola chiave: proattività

La parola chiave per definire lo stage a Mediaset è importante: ad essere indispensabile è la proattività. “Lavorando qui ti rendi conto di avere a che fare con una grande azienda e una grande redazione; ogni stagista ha il suo tutor di riferimento, è vero, ma è evidente che gran parte del lavoro deve venire da te”, aggiunge Giulio: “Qui bisogna essere propositivi, mettersi in gioco e capire che non basta stare davanti al monitor a scrollare video o agenzie di stampa, bisogna invece fare cose che magari non vengono nemmeno richieste. L’esempio migliore è il proporsi per seguire i giornalisti che vanno in esterna, è lì che si sperimenta il lavoro reale, l’impegno vero: andare appresso ai professionisti è il miglior modo per imparare. E’ in occasioni come quelle che si ha la possibilità di interagire e di interfacciarsi con colleghi che fanno questo lavoro da anni: e lo fanno molto bene”.

Potrebbe interessarti anche: