menu di scelta rapida

torna al menu di scelta rapida

Interviste, servizi, montaggi, editing: l’aula di Eidos si trasforma nella redazione di un TG!

Interviste, servizi, montaggi, editing: l’aula di Eidos si trasforma nella redazione di un TG!

Cari amici giornalisti,

questo IV Weekend del Master in Giornalismo è stato davvero indimenticabile!

 

I nostri studenti, insieme a Mimosa Martini e Simone Toscano hanno imparato, percorrendo le strade di Roma, cosa significa costruire un TG, partendo dalla realizzazione di un servizio televisivo.

Forte, decisa e senza paura: lei è Mimosa Martini, storica corrispondente di esteri, inviata del Tg5 che ha seguito con passione e tenacia i grandi scenari cruciali della storia recente, dalla caduta del muro di Berlino all’Afghanistan dopo la strage delle torri gemelle.

Una donna che ha dedicato completamente la sua vita al giornalismo ed ha deciso di condividere con i masteristi di Eidos le sue esperienze ed i segreti per diventare dei validi professionisti.

 

Il telegiornale è un programma televisivo di informazione giornalistica, della durata di 30 minuti, durante il quale sono presentate le notizie del giorno che possono essere lette in diretta da un giornalista (con l'arricchimento di filmati ed immagini), oppure sotto forma di brevi servizi televisivi giunti dagli inviati sul posto.

Mimosa ci racconta che un TG è costituito da:

- Lancio: l’introduzione con la quale il conduttore presenta il nucleo centrale del servizio che sta per andare in onda, invitando il pubblico all’approfondimento;

-Vivo: sono le notizie date interamente dal conduttore;

-Macchia: notizia data dal conduttore a commento di immagini in movimento che, durante la lettura, vengono mandate a riporto, ossia a copertura del volto del conduttore che rimane fuori campo.

 

La forma classica di trattamento di una notizia in un telegiornale è il Servizio, che ha una durata da un minimo di 40 secondi a un massimo di due minuti. Il servizio deve avere una coerenza logica e cronologica, deve riuscire ad avvincere, a comunicare informazioni e a trasmettere emozioni.

 -Il servizio chiuso:  il cosiddetto ”Pezzo”  che può essere realizzato in redazione o dall’inviato.  Si compone di un attacco (lead) che deve essere il fulcro centrale dell’articolo.

Contiene:

  • Dichiarazioni (in\out a seconda di dove vengono collocate);
  • Effetti sonori: per dare movimento e ritmo al servizio;
  • Immagini o video: per dare supporto visivo alla notizia e renderla più attraente.

-Diretta: E’ il servizio realizzato dal giornalista che si trova sul posto dell’avvenimento , che racconta le vicende in collegamento con la redazione.

Ma qui finisce la parte teorica, ed inizia il vero divertimento!

Accompagnati da Mimosa Martini, i ragazzi di Eidos, sono andati a piazza della Repubblica a Roma dove c’era il corteo promosso da Non Una Di Meno in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, per realizzare un servizio di cronaca e provare ad essere inviati per un giorno!

 

La fantasia e le diverse prospettive, hanno creato progetti unici ed irripetibili!

Un’esperienza importantissima per i giornalisti in erba!

Domenica invece è tornato a trovarci Simone Toscano, giornalista di Mediaset, che ci ha parlato del servizio di inchiesta, concentrandosi sullo Stand Up e sul montaggio di un servizio.                                                                                                                

Lo Stand Up è il servizio che include la presenza del giornalista (che ne è l’autore) e può essere fatto in un collegamento in diretta o in un servizio chiuso. Per realizzare un corretto Stand up, Simone ci consiglia di non leggere un testo, meglio recitarlo a memoria al fine di rendere la comunicazione più diretta. Se lo stand up è seguito da immagini, queste devono partire solo quando il giornalista ha concluso il concetto che sta esprimendo. E’ importantissimo avere una postura corretta, un linguaggio chiaro, uno sfondo neutro ed essere il più precisi possibile, per trasmettere credibilità e sicurezza.

Il reporter deve essere in grado di eseguire da sé il montaggio di un intero servizio e fare riprese con dispositivi diversi. Per farlo, Toscano ha spiegato gli aspetti dell’editing audio-video, con l’aiuto di un operatore professionista, collega in Mediaset, Alessandro Codina.

I ragazzi del Master hanno avuto l’opportunità di creare la propria inchiesta percorrendo le strade di via Nazionale a Roma, alla ricerca di interviste, immagini e supporti per realizzare un servizio televisivo sul Black Friday, il tutto con il supporto di una vera attrezzatura professionale. Tornati in aula, con l’aiuto di Alessandro, abbiamo realizzato il nostro video!

“Ogni argomento se suscita curiosità, può essere oggetto d’inchiesta!”
E con queste parole, Simone Toscano conclude il IV weekend di lezione.

 

Ci vediamo al prossimo appuntamento,

A presto amici giornalisti!